Orologi rossi: di (non) maternità e aborto #SheWroteIt #7

Ho recentemente letto Orologi rossi di Leni Zumas e l’ho trovato assolutamente perfetto per la rubrica She Wrote It.

Orologi rossi è ambientato negli Stati Uniti, a Newville in Oregon, in quello che pare un futuro abbastanza vicino: in poche parole, una distopia.
Protagoniste di questo libro sono quattro donne (e una quinta, la cui vita ci viene però raccontata dalla biografa, uno dei personaggi principali).

Continua a leggere
Annunci

Non c’è più tempo di Luca Mercalli – Changing my life #6

Oggi, per la rubrica Changing my life, un consiglio di lettura: Non c’è più tempo di Luca Mercalli.
Si tratta di un libro di non fiction, potremmo definirlo un saggio, sull’allarme ambientale.
Già dal titolo capiamo il tono che verrà usato all’interno del volume: assoluta emergenza.

Continua a leggere

Cinzia di Leo Ortolani

Cinzia è una graphic novel scritta e disegnata da Leo Ortolani, uscita a novembre 2018 per Bao Publishing.

La storia che ci viene raccontata è appunto quella di Cinzia, un personaggio conosciuto già da molti, perché parte delle storie di Rat-Man. Cinzia può però essere letto da chiunque, non è necessario aver prima affrontato altri lavori dello stesso fumettista, in quanto la storia è slegata da quell’universo. Io stessa mi sono approcciata a lui per la prima volta con questa graphic novel.

Continua a leggere

Manuale per ragazze rivoluzionarie di Giulia Blasi – SheWroteIt #6

Manuale per ragazze rivoluzionarie di Giulia Blasi è stato pubblicato da Rizzoli alla fine di ottobre di quest’anno e parla di femminismo, in maniera molto lineare, chiara e adatta a tutti.
Per chi come me si muove nell’ambito già da alcuni anni risulta un validissimo ripasso, un libro capace di ordinare e chiarire le idee, ed anche qualcosa in grado di farti sentire meno sola. Per chi invece di femminismo ne sa poco o nulla… beh, che state aspettando? Continua a leggere “Manuale per ragazze rivoluzionarie di Giulia Blasi – SheWroteIt #6”

Feel Free di Zadie Smith

Devo essere sincera, recensire Feel Free di Zadie Smith mi mette un po’ in soggezione.
Ma procediamo con ordine: Feel Free è l’ultimo libro dell’autrice, pubblicato da Edizioni Sur, nella collana BigSur (dedicata agli scrittori nord americani). Si tratta di un volume di non fiction, che raccoglie piccoli saggi, articoli di giornale o pensieri dell’autrice, riguardanti svariati argomenti. Troviamo una riflessione sulla Brexit, una sul cambiamento climatico, molte sulla famiglia, sull’ambiente di vita, sul mondo. Ma pure un’intervista a Jay-Z, un saggio che parla anche di Justin Bieber, uno su Facebook, uno sulla creatività, tante opere d’arte (soprattutto pitture rinascimentali), tanta musica e anche molti parallelismi tra danza e scrittura. Continua a leggere “Feel Free di Zadie Smith”

Creiamo Cultura Insieme – #SheWroteIt #5

Eccoci tornati alla rubrica SheWroteIt, e quale miglior ospite se non Irene Facheris?
Il suo primo libro “Creiamo cultura insieme” (Edizioni Tlon, 2018) è uscito solamente da qualche settimana e il successo che sta avendo è già considerevole.
“Creiamo cultura insieme” non è un libro che parla direttamente di femminismo o di parità. Ma allora, vi starete chiedendo: perché fa parte di questa rubrica?

Continua a leggere “Creiamo Cultura Insieme – #SheWroteIt #5”

Tra Podcast e Libri: “Morgana” e “L’inferno è una buona memoria”

Morgana è un podcast di Michela Murgia, scritto con Chiara Tagliaferri, pubblicato su storielibere.fm.

Esordisce così: “Benvenuti a Morgana, la casa delle donne fuori dagli schemi. Non è poi così male essere etichettata come strega, perché la paura ispira più rispetto dell’ammirazione. Io sono Michela Murgia e mi piacciono le donne controcorrente, quelle che nella percezione comune sono strane, pericolose, esagerate, stronze: a modo loro tutte diverse e difficili da collocare. Forse sono donne che non sposereste o non vorreste come amiche, però, mettetevi l’anima in pace, non sono mai stati questi i loro obbiettivi. Vogliono piacersi, non compiacervi. Questo spazio si chiama Morgana, perché le rappresenta tutte, un po’ fate e molto streghe, belle e terribili insieme.

Cosa si può fare dopo un’introduzione di questo tipo?

Ascoltare, ovviamente. Continua a leggere “Tra Podcast e Libri: “Morgana” e “L’inferno è una buona memoria””